Tag Archives: galleria serio

C’è il momento di recitare poesie e c’è il momento di fare a pugni. Queste sono parole di Juan Garcia Madero. Uno dei detective selvaggi saltati fuori dalla scrittura funambolica di Roberto Bolaño. Ma questa frase con una piccola variazione su tema l’avrebbe potuta pronunciare anche Tonino Taiuti.

> Leggi

“L’arte autentica di oggi è legata all’attività sociale rivoluzionaria: la prima, al pari della seconda, tende alla confusione ed alla distruzione della società capitalista” (André Breton).
Gli obblighi sociali hanno fatto il loro tempo. Niente dovrebbe costringere l’uomo a privarsi della libertà, né la guerra né il contributo alla difesa nazionale.

> Leggi

Si sente il silenzio di una “tecno-natura morta”. Ma dietro ai cavi e ai tralicci c’è sempre un cielo anarchico e selvaggio, per Claudio.

> Leggi

I nuovi media hanno trasformato la nostra capacità di sognare, rielaborare, aderire alla realtà. La ”liquidità” intercorrente nei rapporti umani, la scissione a cui siamo costretti per adattarci al continuo cambiamento creano una costante rimodulazione del sé.

> Leggi

Come si comprende dal titolo l’artista questa volta si misura con opere di piccolo formato, la cui dimensione non supera il 30×40 cm

> Leggi

La galleria Salvatore Serio ospita dal 3 all’11 marzo 2017 la mostra personale dell’artista Assunta Pizza, a cura di Gianni Nappa.

> Leggi

Quando il 6 gennaio 1839 sulla «Gazette de France» venne annunciata la nascita della fotografia ad opera di Daguerre, gli artisti vissero un momento di smarrimento di fronte a questa nuova invenzione che rischiava di pregiudicare i loro affari. Si disse che…

> Leggi

Dopo la sua personale al Pan di Napoli, Marco Iannaccone (in arte Scarlet Lovejoy) ritorna alla galleria Salvatore Serio per continuare un discorso.
Si presenterà al pubblico affrontando, attraverso l’arte fotografica e una performance artistica dal titolo Each man kills the thing he loves, tematiche umane e sociali.

> Leggi

DIVISI/INVISI
escursus storico sul ritratto d’autore
a cura di Fedela Procaccini
contributo critico di Luigi Fusco

Incentrata sul genere ritrattistico, la mostra DIVISI/INVISI si presenta come un’armoniosa collettiva pittorica.
Un prolifico dialogo si sviluppa tra le opere di tre artisti contemporanei (Antonio Ciraci, Salvatore De Curtis, Sergio Spataro) e due maestri del Novecento (Enrico Cajati e Luigi Crisconio).
Luigi Fusco nel suo attento

> Leggi

Sicuramente la parola ha un suo significato forte nell’esprimere il sentimento di questa mostra personale , che arriva dopo più di un anno dall’ultima che l’artista ha tenuto sempre a Napoli. Informalmente intende proprio la natura di un linguaggio pittorico che si è andando sempre più precisando nel segno dell’informale, con la ricerca dei materiali e di quegli elementi

> Leggi