Assunta Pizza e il curatore Gianni Nappa